Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono dell'utilizzo dei cookie per migliorare la user experience.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

MOD_COOKIESACCEPT_ACCEPT

Appuntamenti


 Giovedì 1 giugno

ore 20.15

oratorio di Pieve

Gruppo Missionario Decanale


 

 
 

Link ad appuntamenti attuali e passati

Facebook icon YouTube fliker

BEATA in Primiero

L’ANNO SERAFINIANO

Suor Maria Serafina

del Sacro Cuore

Beata
(aprile – settembre 2017)

 

Foto MariaSerafina

 

 Sintesi Principali appuntamenti

31 Marzo
Conosciamo la Beata
22-25 Aprile
Sui luoghi della Beata
Maggio

I ragazzi conoscono la Beata

Novena in preparazione

alla Memoria Liturgica

preghiera del Rosario

31 Maggio
Celebrazione Solenne con il Vescovo

 20-30 Luglio 

Presenza delle Suore
Degli Angeli in Primiero

Santa Messa
Concerto Music Academy

2 Agosto 
Anniversario Apparizione 
10 Settembre
Conclusione anno Serafiniano

 

Sui luoghi della Beata

22 - 25 aprile

 

Serafina pellegrinaggio


E' disponibile nelle sacrestie la nuova ristampa del libro

 Il dono della Pace. 

Il Dono della Pace del Cardinal Joseph Bernardin
del Cardinal 
Joseph Bernardin


 

Nuova edizione del libro

Un fiore tra i monti

a cura di Floriano Nicolao

libro Serafina

disponibile presso i Sacrestani
delle
Parrocchie e nelle
librerie autorizzate

 

nella chiesa di Imèr

 

 

Cappella di guerra a Fosse di Sotto

 

Da San Martino di Castrozza si sale verso Passo Rolle.

Dopo 2 km e in corrispondenza del 5 tornante c'è la segnaletica Ex-cimitero di guerra.

Il parcheggio è  in una piazzola poco più avanti, in breve si raggiunge l'area cimiteriale.

 

Al termine della Grande Guerra fu necessario recuperare i resti dei soldati morti sulle montagne sovrastanti ed in questo cimitero furono sepolte 489 salme, in maggior numero soldati italiani, ma v'erano anche militari di varie nazionalità che combatterono per l'esercito austroungarico, più di 200 dei quali senza nome. Con gli anni Trenta le salme furono portate nei grandi ossari del Veneto e l'ex-cimitero fu abbandonato: gli abeti crebbero tra i tumuli vuoti e rimasero solo alcune lapidi finemente lavorate. La piccola cappella sembrava destinata all'abbandono definitivo, finché il gruppo alpini di San Martino nei primi anni Ottanta decise di liberare il cimitero invaso dal bosco e di ristrutturare la piccola cappella. Ora è possibile sostare nell'area per comprendere gli effetti di quel tremendo conflitto, combattuto nei valloni e nelle trincee scavate sulle cime della catena del Lagorai. Il cimitero accoglierà tra breve un pannello con i nomi dei soldati caduti ed un tempo qui sepolti e diverrà un punto di raccolta delle lapidi degli alpinisti morti in montagna.

 

Chiesetta Sant'Antonio a Passo Cereda

 

Arrivati a Passo Cerèda (1369 m.) si sale per una strada sterrata
che conduce alla conca di malga Fossetta.

Dopo soli cento metri dal passo si raggiunge
una piccola spianata sulla quale sorge la chiesetta.

 

Fu costruita nel 1913 per volontà delle numerose famiglie di contadini che soggiornavano nei masi e nelle malghe circostanti. Infatti il passo è zona di incontro tra le comunità della valle di Primiero e quelle dell'alta valle del torrente Mis, che si apre poi verso l'agordino. Tutti contribuirono al trasporto dei sassi necessari per la realizzazione dell'opera e per questa ragione il piccolo tempio è avvertito come proprio anche dai pronipoti dei fondatori. Inaugurata nel 1914, solo dopo la prima guerra mondiale fu dedicata a Sant'Antonio da Padova, patrono del bestiame e santo protettore cui rivolgersi in ogni momento. La pala dipinta in onore del santo e conservata sopra il dignitoso altare è opera del maggiore triestino Pomo: iniziò a dipingerla a Primiero nel 1914 e poi - con lo scoppio della guerra - la portò con sé fino a Vienna, dove la completò ed in seguito la donò alla chiesetta. C'è festa solenne a Cereda la domenica successiva alla festa del patrono, il 13 giugno. All'estate si celebra la messa ogni domenica mattina. Per ulteriori visite le chiavi sono custodite presso il rifugio del passo.

 

San Valentino ai Dismòni

chiesetta dismoni Poco prima di arrivare in località Valmesta, tra Primiero e San Martino di Castrozza, si prende un bivio a snistra per località Dismòni: un cartello segnala già la chiesetta. Dopo due chilometri su strada asfaltata si arriva presso la spianata del rifugio, dove si può lasciare l''auto. Si procede in discesa per strada sterrata per un centinaio di metri, si ignora la prima svolta a destra e si prende invece la successiva con sbarra metallica. Dopo una breve salita si arriva sul pianoro panoramico dove sorge la chiesa (1260 m.).

 

Posta al cospetto del gruppo delle Pale di San Martino, fu inaugurata il 15 Ottobre 1995 dal cardinale Joseph Bernardin, vescovo di Chicago e figlio di emigrati primierotti. La chiesa, edificata per volontà dei propietari dei masi vicini fu costruita da numerosi volontari e benefattori negli anni 1994-1995, si caratterizza per le linee svelte ed essenziali. All' interno c'è un Cristo ligneo in croce sopra l'arco santo, a sinistra una statua di Gesù del Sacro Cuore, sulla destra della navata un quadro con la Madonna dell' Aiuto  ed in nicchie poste ai loti dell' arco santo due statue lignee policrome: una dedicata a  Santa Barbara ed una con la Madonna col Bambino. Nell'abside campeggia un'Ultima cena di stile un pò naif.  Viene aperta la domenica dai proprietari dei masi circostanti che ne conservano le chiavi.

 

All’interno Troviamo nell’abside una pittura raffigurante l’ultima cena del pittore Huber Mair di Brunico, sopra l’arco santo un crocifisso in legno, più in basso due statue lignee una a sinistra raffigurante San Valentino e l’altra a destra la Madonna, che sono state eseguite degli scultori Silvano e Renzo Zeni di Mezzano.
Sulla parete a sinistra una scultura in legno raffigurante il Sacro Cuore di Gesù. opera realizzata da Antonio Doff di San Martino di Castrozza .

Monsignor Stefano Fontana

 

Mons Stefano Fontana

 

Stefano Fontana nacque a Siror, il 21 febbraio 1886. Nell’autunno del 1898 entrò nel seminario di Trento dove compì gli studi ginnasiali, liceali e teologici.
Fu ordinato sacerdote il 21 dicembre 1909. Fu destinato dai superiori all’insegnamento e l’anno successivo s'iscrisse alla facoltà di filosofia nella Università di Innsbruck. Si laureò quattro anni dopo ed entrò come supplente al Seminario minore di Trento.

 

Leggi tutto: Monsignor Stefano Fontana

il Castelpietra

 

Castelpietra fronte

 

Sorto in una posizione tanto maestosa quanto strategica, su un imponente masso erratico incorniciato da cime meravigliose, il Castelpietra, Castrum Petrae, venne costruito per volere del principato di Feltre. Nato come residenza del rappresentante vescovile, l'amministratore di giustizia dell'epoca, esso venne citato per la prima volta su un documento del 1273, redatto dal vescovo di Feltre, Adalgerio da Villalta.

 

Leggi tutto: il Castelpietra

Depliant scaricabili

 Orari Sante Messe

e appuntamenti
Inverno 2017

CampanileSanMartino
 

Gli orari delle Sante Messe e il messaggio dell'Arcivescovo ai turisti


 

Sentiero Nettare di Vita 
Primiero a 10 Passi dal Cielo
Nettare di VitaA 10 Passi Dal Cielo

 

Lo abbiamo percorso
assieme il giorno

01 Settembre 2014
Guarda il Video

e  le foto


Chiese sui monti
di Primiero

chiesa Vederna

 


Chiara Lubich fondatrice del Movimento dei focolarini

Chiara Lubich

 

Cenni di Biografia e cartina dei luoghi visitati da Chiara Lubich in Primiero

 


Beata Suor
Serafina Micheli

Suor Serafina Micheli Percorso

 

I luoghi della vita e due percorsi: il primo su sentieri benedetti dai passi della
Beata; il secondo, gradevole per il paesaggio e la natura, sa aprire il cuore.




La Crosera 
Crosera


L'antico cammino La Crosera
propone un itinerario alla riscoperta di piccoli e grandi angoli di pace e di meditazione, seguendo le tracce dei pellegrini e dei viandanti attraverso strade e sentieri del tempo passato.